La necessità di un mutamento organizzativo, funzionale e procedurale della PA italiana

Il contesto attuale richiede una trasformazione radicale della pubblica amministrazione italiana. I cambiamenti globali, la pressione competitiva e la crisi di legittimità e credibilità hanno reso necessario un ripensamento dei modelli organizzativi, funzionali e procedurali.

Uno dei principali aspetti da considerare è la riorganizzazione del modello statuale e la valorizzazione delle autonomie locali. Questo consentirebbe una maggiore flessibilità e adattabilità alle esigenze specifiche delle varie realtà territoriali. Inoltre, la devoluzione di funzioni e competenze alle autonomie locali favorirebbe una maggiore partecipazione democratica e una migliore risposta ai bisogni delle comunità.

La rivoluzione digitale ha un ruolo fondamentale in questa trasformazione. L'utilizzo delle nuove tecnologie può favorire una maggiore partecipazione democratica e trasparenza nell'azione amministrativa. Inoltre, la comunicazione pubblica può essere un fattore di innovazione e uno strumento per modificare i comportamenti delle amministrazioni. La comunicazione interistituzionale diventa quindi un elemento connettivo dell'amministrazione, permettendo una migliore cooperazione tra le diverse entità pubbliche.

La crisi dello stato sociale e l'emergere di nuovi bisogni diffusi richiedono una risposta più efficace e tempestiva da parte della pubblica amministrazione. È necessario sviluppare modelli comunicativi evoluti basati sulla cooperazione e interconnessione tra le diverse entità amministrative. La comunicazione diventa uno strumento per creare canali di scambio informativo e comunicativo stabili e strutturati.

La transizione da un modello di government a un modello di governance è un passaggio chiave in questa trasformazione. La conciliazione tra autonomia e cooperazione diventa fondamentale per garantire il miglior soddisfacimento dei bisogni della collettività.

La rete diventa sia uno strumento che una metafora dell'amministrazione di domani. L'informatica offre potenzialità per nuovi modelli procedimentali più completi e dinamici. L'interconnessione diventa un momento strategico per la riforma dell'amministrazione, consentendo una maggiore efficienza e efficacia nell'azione amministrativa. Inoltre, lo sviluppo di forme inedite di associazionismo tra gli enti di minore dimensione può favorire una logica organizzativa pluricentrica basata su schemi di azione multilaterali.

In conclusione, il mutamento organizzativo, funzionale e procedurale della pubblica amministrazione italiana è essenziale per affrontare le sfide del presente e del futuro. La valorizzazione delle autonomie locali, la rivoluzione digitale, la comunicazione come strumento di innovazione e la transizione verso un modello di governance sono alcuni degli elementi chiave che devono essere considerati per garantire un'amministrazione efficiente, trasparente e in grado di rispondere ai bisogni della collettività.

Posta un commento

Nuova Vecchia