Quando pubblicare i post su LinkedIn

LinkedIn rappresenta uno dei social network professionali più utilizzati al mondo. Una piattaforma preziosa per che permette di creare contatti, promuovere contenuti e costruire un solido personal branding. Tuttavia, proprio per via dell'enorme concorrenza, riuscire ad emergere ed ottenere visibilità non è affatto semplice.

Uno dei fattori chiave è rappresentato dalla scelta del momento migliore in cui pubblicare i propri contenuti. Postare quando il proprio pubblico è online e più propenso ad interagire può fare una grande differenza in termini di reach ed engagement. Ma come individuare il momento migliore per pubblicare su LinkedIn?

Recenti studi hanno analizzato i comportamenti e le abitudini degli utenti LinkedIn per determinare fasce orarie e giorni della settimana più propizi. In particolare, la piattaforma SocialPilot ha condotto una approfondita ricerca basata su oltre 50.000 account LinkedIn, per un totale di 700.000 post analizzati. I risultati indicano il periodo tra le 10 e le 12 come quello mediamente più performante nei giorni di martedì, mercoledì e giovedì.

Questo perché LinkedIn viene percepito come un social business, dunque gli utenti tendono ad utilizzarlo soprattutto durante l'orario lavorativo nei giorni feriali. Lunedì e venerdì mostrano livelli di interazione leggermente inferiori, probabilmente per via degli impegni ad inizio e fine settimana. Mentre sabato e domenica non sono consigliabili, dato il drastico calo di attività tipico del weekend.

Anche altre ricerche condotte da esperti di social media marketing come Oberlo, Quintly e Hubspot confermano queste fasce orarie centrali del mattino come le migliori per pubblicare su LinkedIn. Oltre all'ora, un altro fattore determinante è il tipo di contenuto. Per esempio, condividere post con articoli approfonditi e contenuti testuali più corposi è ideale tra le 10 e le 12, quando gli utenti sono più propensi a dedicare tempo alla lettura.

Tuttavia, individuare il momento migliore per pubblicare non è una scienza esatta. Ogni brand dovrebbe testare la propria audience ed utilizzare strumenti analitici per identificare il periodo di massima interazione. LinkedIn stesso mette a disposizione dati dettagliati per monitorare le performance dei propri contenuti.

In particolare, la sezione Analytics consente di osservare vari parametri, come impression, click rate, reaction rate e commenti/condivisioni nel tempo. In questo modo è possibile confrontare i risultati di post pubblicati in orari diversi e trarne indicazioni preziose. Abbinando i dati di Analytics ad un piano editoriale organizzato con un tool come SocialPilot, che permette di programmare i contenuti in anticipo, si può sperimentare quando e cosa pubblicare per massimizzare reach ed engagement.

La fascia tra le 10 e le 12 nei giorni lavorativi centrali della settimana resta il punto di partenza ideale per pubblicare su LinkedIn. Ma ogni brand farebbe bene a testare la propria audience ed utilizzare dati oggettivi per identificare il momento di massimo coinvolgimento. Monitorando nel tempo impression e interazioni a diverse ore del giorno, è possibile affinare via via la strategia. L'importante è sperimentare e non dare nulla per scontato, adattandosi in modo flessibile alle specificità del proprio pubblico.

Carmelo Cutuli

Comunicatore specializzato in relazioni esterne ed istituzionali con esperienza internazionale, saggista, giornalista pubblicista

Posta un commento

Nuova Vecchia